B&B Palazzo Mascambruno Cariati (CS) - Residenza d'Epoca - Luxury

Contattaci per verificare la disponibilità non Online +39 0983/968734 - +39 333/4045284

Home Cariati Cosa Visitare

cosa visitare cariati calabria

Il Borgo di Cariati

Uno dei borghi più belli della Calabria dista poche centinaia di metri dalla marina. Questo borgo è accessibile da più punti ma l'attuale accesso principale rimane Porta Pia. Il primo nucleo dell’attuale centro storico sorse come luogo strategico fortificato in età bizantina fra il IX e X secolo. La poderosa cinta muraria del borgo fu fortificata quando la cittadina era un feudo della famiglia Ruffo. La lunghezza completa del perimetro è di circa un chilometro inframmezzata da otto torri.

Ai Bizantini viene attribuita la prima edificazione della cinta muraria cittadina, che fu consolidata e rimaneggiata nei secoli XV e XVI. Divenuta contea in epoca normanna (sec. Xl) e successivamente principato (1565), Cariati fu soggetta a varie signorie. Vi si alternarono i Ruffo, i Riario, i Sanseverino, i Coppola, i Borgia e, in ultimo (1505) gli Spinelli, Principi di Cariati dal 1565, che la tennero fino all’eversione della feudalità (1806). Nel 1437, mentre si trovava sotto la signoria dei Ruffo, Cariati fu elevata a sede vescovile e tale titolo conserva ancora oggi.

 

Porta Pia (o Porta Nuova) e Corso XX settembre

Ingresso principale al Borgo Medievale(Porta Pia)
Corso XX settembreAppena entrati dall'ingresso principale si ha la sensazione di trovarsi in un vero borgo medioevale. Subito dopo l'ingresso si trova il Palazzo del Seminario, costruito nella prima metà del Seicento. Continuando per Corso XX settembre (una volta via Duomo) si trova prima la Cattedrale di San Michele Arcangelo e, subito dopo, il Palazzo Vescovile. Di fronte al Palazzo vescovile è situata la piazza del Borgo (Piazza Plebiscito) dove è possibile scorgere la torre campanaria con un orologio, costruita nel 1904.

 

Chiesa di San Michele Arcangelo

Cupola della Cattedrale di S.Michele ArcangeloCostruita nel 400, fu riedificata, sotto l'Episcopato di mons.Nicola Golia nel 1857 dall'arcè Carmine Ruggiero. L'esterno è composto da un porticato da dove si erge la Torre campanaria costruita successivamente. La cupola è rivestita con mattonelle di maiolica policrome. L'interno è strutturato in tre navate divise da serie di massicce colonne ioniche disposte in coppia.

 

Tomba Bretia

Si tratta di una tomba di tipo a " grotticella artificiale ", sita su una collina a ridosso del mare (caratteristica costante degli insediamenti e dei contesti funerari di questa zona, anche nei periodi storici precedenti). È ubicata in località Salto ed è facilmente raggiungibile dalla statale 106. Si tratta molto probabilmente della tomba di un guerriero bretio risalente più o meno al IV-III secolo a.C. La tomba è a pianta rettangolare, dipinta. All'interno sono stati ritrovati numerosi oggetti, molto probabilmente appartenuti al "guerriero". Si tratta di corazze, cinturoni, vasellami decorati e altre suppellettili tipici del corredo funerario. Gli oggetti attualmente sono custoditi nel Museo di Sibari dove è possibile ammirarli.

 

Chiesa Degli Osservanti

È il monumento più interessante di Cariati. Costruito nel XV secolo per volere di Bonaccorso Caponsacco. Dista poche centinaia di metri dalle mure del Borgo. È un'opera monastica in stile "tardo-gotico", costituita da un'abside quadrangolare ancora ben conservata. Il portale è a forma ogivale in pietra e la cupola a costoloni rivestiti con mattonelle di maiolica policrome. Sia a livello artistico che storico è un'opera di grande importanza regionale.

 

Informazioni Varie

Popolazione Residente: 8.289 (M 4.057, F 4.232) - Densità per Kmq: 296,6 - (dati Istat 2001) - CAP 87062 - Prefisso Telefonico 0983 - Numero Famiglie 2.611 - Numero Abitazioni 6.989 - Denominazione Abitanti cariatesi - Santo Patrono San Cataldo

 

Contatti:

Per Info e  Prenotazioni:

Via G. Garibaldi, 59 (CS)
87063 Cariati Centro Storico
Cel. +39 333-4045284
Cel. +39 327-2561815
Tel. +39 0983-968789
Fax. +39 0983-968789
Email:
info@palazzomascambruno.it

Meteo

Seguici Su:



Newsletter




Chi è online

 26 visitatori online